Archivio per giugno 2013 | Pagina di archivio mensile

Anagrafica condominiale e obblighi di comunicazione.

La legge n° 220/2012, tra le varie cose, ha modificato l’art. 1130 c.c.  || Read more

Nessun commento

Il pagamento della rata di giugno per l’IMU 2013 è stato sospeso a seguito del decreto legge 54/2013, ma la sospensione riguarda soltanto la prima casa e alcuni casi particolari. || Read more

Nessun commento

Il decreto legge n° 63 del 4 giugno 2013 pubblicato in Gazzetta Ufficiale è entrato immediatamente in vigore. Accanto alle misure per le agevolazioni fiscali con la nuova Detrazione 65%, la proroga della Detrazione 50% e la relativa estensione degli sconti IRPEF sull’acquisto di arredi con il Bonus Mobili, || Read more

Nessun commento

La visura catastale contiene un gran numero di dati, dall’analisi dei quali, è possibile desumere molte informazioni sull’immobile o sul soggetto per i quali la visura è stata richiesta.

I primi dati che si possono notare guardando una visura sono i “dati Identificativi” composti da :

  • Provincia
  • Comune
  • Foglio
  • Particella
  • Subalterno

Ricordiamo che questo elenco può variare a seconda che una visura sia ai Terreni o all’Urbano, in quanto il subalterno può non sempre esser presente.Troviamo poi i “dati catastali”, dove è possibile rilevare i dati che consentono di determinare la destinazione d’uso dell’unità immobiliare e la sua Rendita catastale:

  • Zona censuaria,
  • Categoria,
  • Classe,
  • Consistenza,
  • Rendita.

Infine troviamo i “dati dell’intestazione” dove sono riportate le informazioni relative agli intestatari delle unità immobiliari. Si trovano i dati anagrafici completi dei diversi soggetti (nome, cognome, luogo e data di nascita, codice fiscale), non che il tipo di diritto reale che questi detengono sull’immobile.

Quest’ultimi dati non sono “probatori” ovvero la Visura catastale non sempre è aggiornata nell’intestazione, in quanto la proprietà immobiliare viene comprovata con una visura ipotecaria in conservatoria.

Caratteristiche diverse dalla visura sono quelle della planimetrica catastale, in quanto la stessa è il disegno dell’immobile effettuato in scala 1:200 dove, sono riportate le destinazioni dei locali ad esempio cucina e bagno, l’altezza e il piano dell’unità immobiliare e dove vengono anche disegnati gli accessori indiretti quali cantine e solai.

La planimetria viene aggiornata ogni qualvolta ci siano state delle variazioni sia minime che sostanziali nell’immobile e assume importanza a livello giuridico, in quanto ogni Notaio la deve allegare alla stipula di qualsiasi Istrumento e constatare che la stessa corrisponda allo stato di fatto.

La planimetria può essere richiesta in tutta Italia, tranne nei catasti di Trento e Bolzano, e la si può richiedere on-line, in quanto la maggior parte delle planimetrie sono state scansionate e di conseguenza inserite nella banca dati.

Qual’ora non risultasse presente, la richiesta viene effettuata nei catasti di competenza attraverso un modello specifico che verrà compilato da un Tecnico o direttamente dal privato e dopo circa un 15 giorni lavorativi la richiesta viene espletata dall’Agenzia delle Entrate.

Nessun commento