Visura Ipotecaria per verificare lo stato di un immobile

giu
2017
08

Big colorful city landscape with buildings

Se stai per comprare casa e vuoi sapere se sull’appartamento ci sono ipoteche o pignoramenti in corso hai la possibilità di avere questi dati liberamente, in poco tempo, da solo e senza che il proprietario possa opporsi, rivendicando una presunta violazione della propria privacy. Difatti, tutte le notizie relative ai passaggi di proprietà di immobili (case, terreni, etc.) nonché quelle relative ad eventi ad essi collegati  – ipoteche, pignoramenti o domande giudiziali volte ad accertare la proprietà del bene o a revocare una vendita o una donazione – sono pubbliche. Il luogo dove è possibile trovare tutte queste informazioni è il Registro Immobiliare tenuto presso l’Agenzia delle Entrate, ufficio del Territorio.

Per sapere se su un immobile c’è un pignoramento o un ipoteca devi  effettuare una ispezione ipotecaria. Perciò per verificare se la casa è stata pignorata basta andare all’Agenzia delle Entrate, Ufficio del territorio, con i dati catastali dell’immobile in questione. I dati possono essere forniti dal catasto, dal proprietario o dall’agenzia immobiliare. In genere si compongono, oltre che della città e della via ove si trova il bene, anche del numero di foglio, particella e relativo sub di accatastamento. Con questi dati, ci si può liberamente recare allo sportello e richiedere una visura ipotecaria. Da poco  è possibile la consultazione anche online, tramite il sito dell’Agenzia delle entrate o siti privati come visureenonsolo.it.

Ottenuto questo documento, dal costo modico, è possibile visionare tutte le informazioni riguardanti le tipologie di formalità presenti nella banca dati ipotecaria come trascrizioni, iscrizioni e annotazioni. In particolare:

  • le trascrizioni indicano tutti gli atti di trasferimento dell’immobile come vendite e donazioni. Grazie a questo campo è possibile risalire a chi era il precedente proprietario e a quelli ancora prima. L’acquirente/donatario è il soggetto “a favore” del quale avviene la trascrizione; il venditore/donante è il soggetto “contro” il quale avviene la trascrizione. Se la casa è oggetto di una causa, ciò risulta nel campo «trascrizioni»; le ipotesi potrebbero essere varie (si pensi alla lite tra due persone su chi è il proprietario dell’immobile, a un’azione revocatoria di una donazione, a una rivendicazione tra eredi, ecc.);
  • le iscrizioni indicano invece la presenza di eventuali ipoteche. Dunque se ti interessa sapere se sulla casa c’è un’ipoteca devi semplicemente chiedere una visura ipotecaria e verificare, alla voce «iscrizioni», se risultano formalità di questo tipo;
  • le annotazioni: qui vengono indicati (oltre ad eventuali cancellazioni di ipoteche) la presenza di pignoramenti immobiliari in corso; si tratta cioè delle famigerate vendite giudiziarie all’asta. Chiaramente se un immobile è soggetto a pignoramento, chi lo acquista non potrà poi opporre il suo titolo al creditore e verrà espropriato ugualmente. Quindi se ti interessa sapere se sulla casa c’è un pignoramento devi semplicemente richiedere una visura ipotecaria e verificare, alla voce «annotazioni», se risultano pignoramenti in corso.

Come abbiamo detto in apertura, tutti hanno diritto a sapere se su una casa ci sono pignoramenti o ipoteche: non sono dati coperti da privacy perché l’ordinamento mira a tutelare i trasferimenti immobiliari e l’acquirente, onde non farlo trovare dinanzi alla brutta sorpresa di aver comprato una casa ipotecata o pignorata. Tuttavia, poiché la banca dati dei registri immobiliari può contenere dati di natura sensibile e giudiziaria (come la presenza di una causa o i debiti di una persona che ha la casa ipotecata), chi ne viene in possesso per aver fatto una visura ipotecaria deve trattarli con la massima cura e diligenza: non può perciò pubblicarli, comunicarli a terzi o comunque trarne notizie per screditare il proprietario dell’immobile. Pertanto è bene sapere che l’uso improprio o contrario alle sue finalità di queste informazioni è punibile ai sensi di legge.

 

Nessun commento

Lascia un Commento